Capitolato villa singola

                                                                                                                                                                                                         

DESCRIZIONE DEI MATERIALI DA UTILIZZARE PER LA REALIZZAZIONE DI  UNA VILLA  SITA IN PARETE (CE) ALLA VIA V. EMANUELE (STR. PROV. PARETE –GIUGLIANO)

L’unità immobiliare si articolerà su tre livelli: piano interrato, piano terra e primo.

La struttura dell’intero corpo sarà realizzata con telai (e cioè travi e pilastri) in cemento armato e solai misti latero – cementizi gettati in opera, tutto nel rispetto delle norme antisismiche vigenti in materia.

Il piano seminterrato sarà adibito in parte a garage ed in parte a fondo-rustico,  mentre il piano terra ed il primo ospiteranno la parte abitativa del fabbricato. .

Le caratteristiche tecniche – funzionali ed impiantistiche dell’intero fabbricato sono le seguenti:

 

– PIANO INTERRATO (h= 2.50 mt.):

 

L’intero piano sarà realizzato con un muro in cemento armato da 30 cm.

La parte esterna interrata del piano verrà impermeabilizzata con uno strato di primer bituminoso sul quale saranno incollati fogli di guaina per prevenire un’eventuale umidità, la guaina sarà poi protetta da una rete bullonata in plastica (o da una soluzione similare). Il piano interrato verrà consegnato finito in ogni sua parte e cioè con intonaco, tinteggiatura, pavimentazione, impianto elettrico, di ricezione TV, telefonico, citofonico e di riscaldamento; il piano sarà composto da un ambiente destinato a garage (nel quale non vi sarà l’impianto di riscaldamento), ed un locale fondo-rustico. In questo ambiente sarà ricavato un locale bagno-lavanderia (dotato di lavabo con colonna, vaso, bidet e piatto doccia oltre che di una attacco idrico per lavatrice) e su di una parete del fondo sarà predisposto il necessario per una cucina.

Sarà prevista inoltre la realizzazione:

  • di un sufficiente numero di bocche di lupo (due o tre);
  • di un sistema di lampade d’emergenza;

L’accesso al garage avverrà attraverso una porta basculante o cancello scorrevole comunque a comando manuale.

Tramite una scala interna rivestita con pietra travertino (o simile) si accederà al piano superiore.

 

PIANO TERRA E  PRIMO (h=2,70 mt.):

 

Il perimetro esterno sarà realizzato con una parete a doppia fodera da 30 cm., costituita da uno strato esterno di forati 12x25x25 preventivamente intonacati (al grezzo) per circa 1 cm. nella parte interna della fodera, pannello rigido avente funzione di isolante termo-acustico fissato alle parete da 6 cm, un intercapedine d’aria di 3 cm. circa ed uno strato finale di forati 8x25x25, il tutto appoggiato su fascia di guaina larga circa 40 cm. con risvolto di circa 10 cm. lungo i pilastri e ciò per prevenire un eventuale umidità di risalita. Per evitare la formazione di salti termici i pilastri così come le travi del fabbricato a contatto con l’esterno saranno rivestiti da materiale isolante spesso 1 cm. e tavelloni di laterizio da cm. 3 di spessore. Le divisioni interne invece saranno realizzate con forati 8x25x25.

Il piano terra risulterà composto da un ingresso-soggior­no con canna fumaria, cucina, un disimpegno, ed un bagno.

Nel bagno saranno installati i seguenti pezzi: un lavabo (da cm. 65) con colonna, un vaso igienico con cassetta di scarico incassata nella parete a doppio pulsante, un bidèt, tutti del tipo Ideal Standard (mod. Esedra o  simile) ed una vasca con elementi idromassaggio marcata Jacuzzi (mod. Projecta 170×70 o simile). Le pareti del bagno saranno rivestite da mattonelle di prima scelta (formato 20 x 20 o 20 x 25) per un’altezza di 200 cm. circa. La rubinetteria, in acciaio, apparterrà al tipo Ideal Standard (mod. Ceraplan o  simile).

Nella cucina, la sola parete dove sarà realizzato l’impianto di scarico e carico per il lavello, verrà rivestita con mattonelle di prima scelta (20 x 20 o 20 x 25) per un’altezza di circa 200 cm  con un risvolto di 60 cm. circa lungo le due pareti laterali.

La comunicazione con l’esterno avverrà con un apparecchio ricevente munito di videocitofono marcato Urmet (o simile).

Tramite una scala interna rivestita di granito o altro materiale simile da concordare, sormontata da una ringhiera in ferro battuto o legno massello, si accederà al piano primo.

Questo comprenderà un corridoio, tre camere da letto, due bagni  ed un ampio terrazzo. Nei bagni verranno montati gli stessi elementi del bagno del piano terra con la sostituzione però della vasca con un piatto doccia in porcellana rettangolare (72×90). Si precisa che i pezzi igienici  apparterranno al tipo Ideal Standard (mod. Gemmao simile), la rubinetteria sarà marcata Ideal Standard (mod. Ceraplan o simile) ed il rivestimento sarà con mattonelle di prima scelta (formato 20 x 20 o 20 x 25) per un’altezza di circa 200 cm.

La copertura del fabbricato sarà realizzata con un solaio in piano tipo latero-cementizio  sormontato da un tetto a padiglione rivestito superiormente da  pannelli rigidi in lana di roccia da 10 cm. impermeabilizzati su un lato, guaina rinforzata da 4 mm., e tegole portoghesi così come del resto è riportato dai grafici di progetto.

Anche nel piano primo sarà prevista installazione di un apparecchio ricevente munito di videocitofono (marcato Urmet o simile) per la comunicazione con l’esterno.

L’intera villa sarà dotato di un sufficiente numero di punti luce, punti presa, interruttori, ecc.. (circa 100 punti), con cinque punti TV e quattro telefonici, disposti in modo da coprire tutti i tre livelli della villa.

Sarà prevista inoltre la realizzazione di un impianto di luci d’emergenza, e la sola predisposizione di:

–          un sistema d’allarme volumetrico (ovvero cassette di derivazione, tubazioni e cavi);

–          pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria (ovvero tubazioni);

–          condizionatori (tipo split) nelle camere al piano primo (ovvero tubazioni e cavi).

 

 

PORTE ESTERNE E FINITURE:

 

La villa avrà sia un accesso carrabile mediante un cancello in ferro di tipo leggero e a comando elettronico sia un accesso pedonale tramite un cancelletto in ferro, con serratura elettrica comandata dal videocitofono. Dal cancello carrabile inizierà la rampa che permetterà il collegamento con il garage, che sarà asfaltata e separata dal terreno da cordoli di cemento o simile. Il garage, come detto in precedenza, sarà provvisto di una porta a serranda o simile a comando manuale.

Dal cancelletto pedonale partirà invece un viale di larghezza pari a 1,2 mt. circa che permetterà l’accesso al piano terra della villa stessa.

Viale, terrazzi e marciapiede perimetrale saranno ricoperti con pavimentazione antiscivolo e antigelo tipo clinker o gres porcellanato (questo stesso materiale verrà utilizzato anche per i battiscopa presenti all’esterno); inoltre il viale d’accesso e il perimetrale saranno separati dal terreno circostante da cordoli di cemento o simile.

Il parapetto del terrazzo al piano primo sarà realizzato con una ringhiera in ferro con elementi verticali dritti e semplici, alta 1 mt. Il terrazzo sarà naturalmente impermeabilizzato con uno strato di guaina rinforzata da 4 mm. con risvolto sulle pareti verticali e vicino alle colonne di almeno 10 cm o con materiale simile.

Il terreno circostante la villa verrà consegnato senza alcuna sistemazione, ma solo con un sufficiente numero di lampioncini da giardino, una presa d’acqua ed una elettrica.

Il portoncino d’ingresso sarà blindato con rivestimento in legno, sia internamente che esternamente e sarà protetto da un porticato con tre colonnine.

Alle aperture esterne verranno predisposte persiane  blindate in ferro zincato preverniciato a fuoco; le finestre interne saranno invece in legno di pino mordenzato (o simile) con vetro camera (4-12-4). Le porte interne saranno a battenti in legno di noce di Tanganica (chiare), lisce del tipo tamburato con struttura cellulare interna a nido d’ape e con geometria regolare.

La pavimentazione interna sarà a tinta unita, co­stituita da gres porcellanato di diverso formato tipo 30×30, 33×33, 45×45 o similare comunque del tipo commerciale di prima scelta con messa in opera a quadri e/o diagonale, fatta eccezione per le camere ed il corridoio del piano primo dove è previsto il lamparquet di tipo iroko o rovere nodino (60x300x10). I battiscopa saranno invece dappertutto in legno, fatta eccezione per la scala dove ci saranno le zeppe in granito o comunque del materiale scelto per rifinire la scala .

Le finiture di marmo interne (soglie, davanzali) saranno realizzate in granito o materiale simile.

L’intera costruzione verrà dotata d’impianto di riscaldamento autonomo, comandato da un crono-termostato ambiente (uno per piano) e realizzato con collettori complanari (uno per piano) dotati di valvole di zona e di sfiato, tubazioni in multistrato, elementi radianti in alluminio, completato da una  caldaia murale mista, a gas, elettronica di potenza adeguata. Per l’impianto idrico-sanitario saranno invece utilizzate tubazioni in polipropilene ( o simile).

Le facciate esterne così come quelle interne, saranno regolarmente intonacate e provviste di tinteggiatura a quarzo per quelle esterne e semilavabile per quelle interne, con almeno due strati di pittura. Tutto il ferro presente verrà invece trattato prima con l’antiruggine e poi finito con smalto sintetico.

La villa verrà recintata con muretto in c.a. di altezza variabile (hMAX=1,50 mt.) e sormontato da una ringhiera in ferro con elementi verticali dritti e semplici (piattine o quadretti) per un’altezza di circa 1 mt.

La villa sarà dotata di fossa imhoff di adeguate dimensioni con pozzetto d’entrata e d’uscita, collegata alla rete fognaria del complesso edilizio.

 

Si precisa che la villa in oggetto farà parte di un complesso edilizio costituito da due fabbricati ovvero da una piccola palazzina, che si affaccerà sulla strada provinciale Parete-Giugliano, ed appunto dalla villa in questione che sorgerà nella parte interna del lotto di terreno. L’accesso agli immobili, pertanto, avverrà da una strada privata che si diparte dalla provinciale, di cui sopra, strada che sarà in comune tra i due fabbricati.

 

Resta inteso che l’acquirente potrà richiedere particolari finiture che dovranno essere concordate con la società, tramite richiesta ufficiale per iscritto, che dovrà pervenire prima della realizzazione delle opere sopra indicate.